Strict Standards: Redefining already defined constructor for class wpdb in /membri2/altrifatti/wp-includes/wp-db.php on line 52

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/altrifatti/wp-includes/cache.php on line 36

Strict Standards: Redefining already defined constructor for class WP_Object_Cache in /membri2/altrifatti/wp-includes/cache.php on line 389

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_Page::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 537

Strict Standards: Declaration of Walker_PageDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 556

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_lvl() should be compatible with Walker::start_lvl($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_lvl() should be compatible with Walker::end_lvl($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_Category::end_el() should be compatible with Walker::end_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 653

Strict Standards: Declaration of Walker_CategoryDropdown::start_el() should be compatible with Walker::start_el($output) in /membri2/altrifatti/wp-includes/classes.php on line 678

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/altrifatti/wp-includes/query.php on line 21

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /membri2/altrifatti/wp-includes/theme.php on line 507
Economia | www.altrifatti.altervista.org

HOME

Archivio della Categoria 'economia'

il nero che NON conviene

Sabato 12 Gennaio 2008

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

8de52c08551.jpg

In Italia ci sono circa 4 milioni di persone che lavorano in nero.Persone senza diritti,veri schiavi.La Calabria ha il primato,un lavoratore su due e’ irregolare,poi c’e’ la Sicilia e la Campania.
L’agricoltura e’ il settore con la maggiore percentuale di sommerso(32,9%),poi ci sono i servizi e per finire l’industria.

Gente sola senza diritti,senza pensione e senza sicurezza.E chi accetta consapevolmente tali condizioni sappia che non ha futuro.
A volte si e’ costretti come gli immigrati clandestini che non riescono ad avere il permesso di soggiorno ad accettare queste condizioni.

In Puglia per esempio,sopratutto nel periodo della raccolta dei pomodori,5000 clandestini e non vengono presi,vengono messi in baracche,senza igiene,senza luce,senza la minima tutela;lavorano dalle sei del mattino fino alle dieci di sera per 20 euro al giorno.Se protestano vengono picchiati.

Alcuni caporali,cosi’ chiamano chi controlla i braccianti,chiedono un dazio per lavorare.Portare un’amica che si conceda.
Questo schifo succede in Italia,vicino a mete turistiche come il Gargano.( approfondimento ).

Lavoro nero e precariato,bella scelta!!!

Daltronde finche’ i nostri politici assumono in nero i portaborse come possiamo pretendere di migliorare.

Non siamo nel 2008,ma nel medioevo.

cercasi soldi

Mercoledì 9 Gennaio 2008

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

soldi.jpg

Le tasse e i rincari non hanno mai delle trattative,arrivano.Sara’ per il prezzo del petrolio,sara’ che nel mondo c’e’ piu’ richiesta,sara’ per la speculazione delle aziende ma comunque sia, arrivano sempre puntuali.
Mentre per aumentare gli stipendi ai lavoratori il tempo c’e’.Si parla di trimestrale,si parla di accordi tra le parti sociali,si parla di finanziaria del 2009 ecc,ecc;tra un po’ non ci potremmo permettere neanche il pane,ma le trattative sono importanti.Intanto ad aspettare sono sempre i soliti.

I protagonisti delle trattative sono Damiano,ministro del non-lavoro e i sindacati.

Damiano e’ quel personaggio che voleva mandare il TFR dei lavoratori al fondo Cometa,fondo pensione integrativo dei matalmeccanici gestito dai sindacati.Piu’ del 40% dei soldi del fondo Cometa va a Berlusconi e a societa’ che producono armi.
Quindi come vedete siamo in buone mani.

In Italia i soldi non ci sono e quelli rimasti vengono spesi male.Non si investe nella ricerca,o meglio nella finanziaria 2007 sono stati dati bonus alle imprese per l’innovazione e ricerca,ma sono stati gestiti male.

E le imprese sanno come ricercare??? hanno professionisti aggiornati per lo sviluppo???

Naturalmente no.In Italia il numero dei laureati e’ bassissimo.La spesa per l’istruzione e’ nella media europea,ma si fa troppa teoria.Ad esempio,alle elementari in Italia si fanno 8000 ore,in europa circa 6500 ore.
Quindi soldi spesi male.

Per le aziende produttivita’ vuol dire lavorare 400 ore mensili come in america;lavorare tanto e in fretta,magari senza strutture di sicurezza adeguate.Le aziende puntano alla quantita’ non alla qualita’.Quindi anche se avessero i soldi e professionisti non credo che li userebbero per la ricerca.

Si parla di detassazione dei redditi da lavoro per aumentare gli stipendi.A discapito di che cosa pero’???
Nella finanziaria 2008,per reperire 980 milioni per ridurre l’ICI hanno tolto fondi agli asili nido.Quindi detassazione dei redditi a discapito della sanita’ e dei servizi pubblici.

Meno tasse,meno servizi pubblici,piu’ privati.Ecco,a mio parere dove vogliono arrivare.

Sempre piu’ vantaggi alle imprese,il paese e’ in mano alle banche d’affari e alle imprese.

Staremo a vedere che soluzioni adotteranno e quando le faranno,intanto aumenta tutto.

Italia malata

Giovedì 27 Dicembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

L’Italia ha la febbre,non respira ed e’ anche sorda.

Un’Italia piena di auto e camion;80% del trasporto privato e’ su ruota e dal 90 al 2005 il trasporto delle merci su gomma e’ aumentato del 30%.Quindi non c’e’ da stupirsi se lo sciopero dei camionisti blocca un’intero paese.

Per ogni 100 abitanti ci sono 58 autovetture,la media europea e’ 50 macchine per 100 abitanti.( approfondimento )

Quindi pochi mezzi pubblici e malgestiti.Ci vuole troppo tempo per spostarsi e sono sempre pieni.Il 78% degli europei e’ soddisfatto del trasporto pubblico,in Italia solo il 58%.La media piu’ bassa in Europa.

Dipendiamo ancora troppo dal petrolio e dal carbone. Speculazione, dipendenza dai poteri forti economici e aggiungerei scarso senso civico caratterizzano il nostro paese.

Continuiamo a superare il limite delle polveri sottili,quindi non migliora la qualita’ dell’aria,sopratutto al nord. 7 milioni di italiani soffrono di problemi uditivi e 7 italiani su 10 sono esposti a livelli di rumore superiore alle leggi.

In 46 anni la temperatura e’ aumentata di 0,94 gradi,decisamente una media piu’ marcata rispetto al trend globale,facendo aumentare anche le notti tropicali. Tra un po’ il Natale si festeggiera’ in costume.

Abbiamo sempre piu’ bisogno di energia,investiamo troppo poco nelle fonti rinnovabili.Dal 90 al 2006 gli impieghi di energia elettrica sono aumentati del 43% e siamo il secondo paese al mondo per importazione di energia elettrica.Dipendiamo troppo dai paesi esteri.

Anche per quanto riguarda i rifiuti non siamo messi bene,nel 2004 c’erano 140 milioni di tonnellate,l’incremento e’ del 7% all’anno.La raccolta differenziata si attesta intorno al 24% della produzione totale.Il governo punta sull’incenerimento,per la fine del 2007 si prevedono 58 impianti.

In Italia ci sono tre ecocrimini ogni ora.Solo la Campania registra il 13,5% di crimini ambientali.Un’affare che frutta 23 miliardi di euro.
Sopratutto lo smaltimento dei rifiuti industriali e tossici alimenta la criminalita’;nel 2006 sono state fatte sparire 26 milioni di tonnellate di rifiuti perlopiu’ esportate in Cina.

In Italia ci sono troppi interessi e troppa speculazione da parte dei governi e della dirigenza.La criminalita’, anche se nel 2006 ci sono stati miglioramenti non viene combattuta seriamente.
Tutto questo ovviamente a danno dei cittadini.

rapporto APAT 2007

rapporto ECOMAFIA 2007

boicotta il natale

Lunedì 24 Dicembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

odd_cruc-140×180.JPG

Perche’ festeggiamo ancora il Natale???

E’ la festa del consumismo sfrenato e la pacchia delle multinazionali.Vediamo ogni anno orde di persone che invadono i centri commerciali e quasi si picchiano per acquistare l’ultima novita’ tecnologica.

Il fatto e’ che comprare ci appaga,il potersi permettere oggetti inutili colma il profondo vuoto che c’e’ in noi stessi.Quando abbiamo qualcosa di nuovo tra le mani siamo piu’ attenti,siamo svegli,interessati,curiosi.

L’effetto interesse pero’ dura poco,possiamo vederlo dal comportamento dei nostri figli.I giochi vengono usati per una settimana e poi dimenticati nell’armadio e cosi’ a pasqua via con altri regali.

Riempire il vuoto che c’e’ in noi stessi e che creiamo nei nostri bambini e’ costoso ma sopratutto incolmabile.La societa’ crea desideri sempre nuovi,crea modelli vani e superficiali;non insegna a essere degli individui,a essere se stessi,a stare bene con se stessi,ma ci convince che per stare bene occorre quell’oggetto.Siamo coinvolti in un circolo vizioso che non avra’ mai fine.

Comunque sia, Babbo Natale quest’anno ha fallito;le richieste di convertire i mutui variabili a fissi sono troppe,le richieste di riavere la propria casa dopo essere stata pignorata sono troppe.
Babbo Natale non ce l’ha fatta a ridare gli operai morti alle vedove,non ce l’ha fatta a dare un lavoro alle migliaia di persone disoccupate o strozzate dal lavoro precario,non ce l’ha fatta a ridare fiducia nelle istituzioni.

Il Natale e’ la nascita di Gesu’ Cristo???

Gesu’ non e’ nato il 25 dicembre,non e’ biondo e non ha gli occhi azzurri,percio’ cosa andiamo in chiesa a fare???
Andiamo a pregare un Gesu’ ucciso dalla stessa chiesa. Non e’ una contraddizione???

La chiesa non assolvera’ i nostri peccatti,anzi gli alimentera’ per costringerci a tornare.

Cerchiamo non di essere piu’ buoni,non di essere piu’ generosi perche’ il Natale ce l’ho impone,ma di essere consapevoli,magari tutto l’anno.Cerchiamo di essere noi stessi e di non farci influenzare troppo dalla societa’ che divora le nostre anime.

Piu’ che buone feste,auguro tanta serenita’ a tutti e consapevolezza.

aumenta tutto

Venerdì 21 Dicembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

pasta.jpg

Vuoi fare un bel regalo di Natale???

Regala la pasta,un litro di latte,fai uno scatolone pieno di prodotti alimentari.

Nel 2007 per far fronte al rincaro della pasta abbiamo speso +42 euro annui ,per il pane +59 euro all’anno e per il latte e formaggi addirittura +118 euro.
Tra generi alimentari e non abbiamo dovuto sborsare +994 euro su base annua.

Per il 2008??? sempre peggio naturalmente.

Aumenti previsti su base annua :

Beni Alimentari : +440 euro
Luce : +38/45 euro
Riscaldamento : +125/135 euro
Benzina : + 120/130 euro
Tariffe Ferroviarie : + 85/115 euro
rate mutui : + 550 euro
nettezza urbana : +30/40 euro
trasporti locali: +25/35 euro
benzina :+120/130 euro

E poi aumenta l’acqua,le autostrade,il bollo auto e moto,insomma aumenta tutto per una spesa annua di +1500/1700 euro in piu’.

Arriveremo a rubare per la pasta,per il pane;i beni di prima necessita’,se andiamo avanti cosi’, diventeranno un lusso per pochi.

Napolitano esorta ha trovare le risorse per le cosidette missioni di pace,dice che l’Italia non puo’ sottrarsi dalle sue responsabilita’ nelle missioni internazionali.( approfondimento )

Bel coraggio;gli italiani non ce l’ha fanno ad arrivare a fine mese,non si possono piu’ permettere un pacco di pasta,sono strozzati dalle banche ecc.ecc.

Perche’ non dice dobbiamo trovare le risorse per far sopravvivere gli italiani???


FONTI:
www.federconsumatori.it/

l’ombra del nucleare

Domenica 4 Novembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

nucleare-6401.jpg

La benzina continua ad aumentare e secondo Hubberd siamo al picco del petrolio,quindi avremo un futuro di continui rincari e aumento dei prezzi.( approfondimento )

L’Italia ha due problemi :

Dipende per l’energia elettrica e combustibili quasi totalmente dagli altri paesi ( approfondimento )

Non riuscira’ a rispettare i patti del Protocollo di Kioto

E allora in sordina,senza fare clamore sentiamo politici essere a favore del nucleare;

Cosi’ sentiamo Prodi dire : “abbiamo ricominciato le ricerche sul nucleare“,Casini dice :”il dialogo va aperto ” ecc.ecc.

insomma piano piano sta’ ritornado alla ribalta il nucleare.

Da un sondaggio condotto si vede che il 56% degli italiani sono ancora sfavorevoli al nucleare,pero’ i consensi stanno aumentando.( approfondimento ) ( approfondimento 2 )

Da vent’anni dalla chiusura delle nostre centrali dobbiamo ancora risolvere il problema dello stoccaggio delle scorie,sembra che entro quest’anno dovremmo spostare in siti temporanei in Inghilterra e in Francia 235 tonnellate di combustibile irradiato stoccato.

Non solo siamo in parte responsabili di provocare malattie come la leucemia,tumori infantili in altri paesi ma sobbarcheremo i nostri figli la responsabilita’ di trovare una soluzione al problema scorie.( approfondimento )

Le centrali nucleari sono costose;per costruire una centrale ci vogliono dai 8 ai 10 anni e le nuove tecnologie non sono ancora del tutto testate,facendo ritardare la costruzione e aumentare i costi .

Le centrali nucleari sono pericolose;anche un lieve incidente fermerebbe la centrale per anni e il danno biologico sarebbe comunque gravissimo.Per non parlare delle scorie.

Rischio black out; per far funzionare una centrale serve l’acqua( raffreddamento dei reattori ),in estate con la siccita’ e con la richiesta maggiore di corrente,la centrale andrebbe fermata.

Per mantere una centrale e per lo stoccaggio delle scorie servono tanti soldi;i costi ricadrebbero sugli utenti,quindi aumento delle bollette.

L‘Unione Europea a quanto sembra e’ a favore del nucleare e spingera’ i paesi membri a favorire questa politica,magari con sussidi. ( approfondimento )

Invece di promuovere le rinnovabili anche attraverso qualche campagna pubblicitaria,in Italia parliamo ancora di nucleare.

Sicuramente in ballo ci sono interessi economici ingenti,ma agli interessi dei cittadini chi ci pensa???

i veri padroni

Mercoledì 24 Ottobre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

le-banche-ti-rapinano.jpg

Abbiamo un debito pubblico altissimo,pari a +106% del PIL, piu’ di 1500 miliardi;uno tra i piu’ alti in Europa.Nasci e senza fare niente hai 27 mila euro da pagare.( iniziamo bene!!!)

In Italia il 91% dei mutui e’ ha tasso variabile;dal 2004 al 2006 i tassi d’interesse sono aumentati di 0,62 punti,da 3,85% del 2004 a 4,47% nel 2006.I mutui a tasso variabile nel 2004 erano convenienti,ma nessuna banca ha segnalato che gli indicatori stimavano un rapido aumento.

fai un mutuo a tasso variabile per 30-40 anni,vedrai ti conviene !!!!

Abbiamo visto come e’ andata a finire,la gente non riesce a sostenere i pagamenti;i pignoramenti quest’anno dovrebbero aumentare del 19%.Cioe’ la banca si prende la tua casa.A milano,per esempio vengono pignorate ogni giorno 8 abitazioni.( approfondimento ).

Regioni,comuni,imprese sono tutte indebitate;ti prestano i soldi ma devi sottoscrivere contratti( derivati ) che vanno a vantaggio solo delle banche;e ogni volta ti propongono un investimento migliore al quale tu non puoi rifiutare.Tutto questo accade dal 2002-3 .

Fra il 2005 e il 2006 il debito delle regioni e’ aumentato del 33,1%.( approfondimento ) .

La BCE (societa’ privata) decide i tassi d’interesse;

aumentando i tassi avremo il costo del denaro piu’ alto e quindi mutui piu’ onerosi,rate piu’ salate ecc.ecc.

diminuendo il tasso d’interesse trovi piu’ facilmente i fondi per acquistare una casa,le imprese possono investire a minor costo e quindi c’e’ piu’ domanda,ma aumenta l’inflazione.cioe’ i prezzi aumentano.piu’ domanda piu’ aumento dei prezzi.

La BCE dovrebbe equilibrare tutto questo;aumenta e abbassa i tassi d’interesse per controllare l’inflazione.

In realta’ siamo schiavi di questo sistema.

Prima con i tassi bassi ti permettono di investire quindi di far indebitare stati,regioni,aziende ecc.ecc.,le banche centrali stampano un sacco di soldi perche’ la domanda cresce;immettendo questi ingenti somme di denaro l’inflazione creata dalle banche centrali stesse aumenta e qundi i tassi aumentano,non permettendo di estinguere il debito,qundi ti sottraggono l’azienda,la casa ecc.ecc.

E’ tutto molto piu’ complicato e la mia spiegazione e’ incompleta,pero’ prima buttano l’amo,tu abbocchi perche’ e’ conveniente,poi ti sottraggono tutto.

guarda i soci delle banche centrali

dossier sulle banche centrali

video di report ” il banco vince sempre

adusbef

oro grigio

Giovedì 27 Settembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

fotovoltaico.jpg

In Italia il fotovoltaico e’ tema di forte interesse.Sta’ avendo un buon sviluppo anche per le agevolazioni del nuovo conto energia varato dal governo.Per quest’anno si prevedono 216 istallazioni,80 mw e entro il 2009 arriveremo fino a 100-200mw.

Certo la Germania,la Spagna sono molto piu’ avanti;L‘Italia e’ stata frenata dalle precedenti agevolazioni,varate con troppa burocrazia.Siamo in ritardo rispetto l’europa ma nel 2015 si prevedono 1000 mw.

Nei pannelli fotovoltaici le celle di silicio imprigionano l’energia trasformandola in corrente elettrica,per soddisfare il fabbisogno di corrente per una famiglia di 4 persone servono pannelli di 16 metriquadrati; quindi qualche difficolta’ c’e’ ancora.

Ma il mio interesse va al silicio.

Per costruire un pannello fotovoltaico serve una quantita’ di silicio pari alla costruzione di qualche migliaio di computer;

e l’estrazione richiede costose lavorazioni.( approfondimento ).

L’industria elettronica e adesso il fotovoltaico hanno fatto si’ che il prezzo del silicio aumentasse in maniera considerevole,ed e’ in continuo aumento.

Il mercato mondiale di questo metallo e’ in mano a poche industrie giapponesi,tedesche e statunitensi che continuano ad aumentare la produzione e non riescono a stare dietro a la richiesta.

L’estrazione del silicio avviene con il petrolio,il trasporto avviene tramite derivati del petrolio,quindi se e’ vero che sta’ per finire,i prezzi del silicio sono destinati ad aumentare e i pannelli fotovoltaici diventeranno un bene per pochi.Se e’ vero che il fotovoltaico sostituira’ la tradizionale fornitura di corrente elettrica,

la corrente diventera’ un lusso per pochi????

L’industria fotovoltaica e’ in mano a poche multinazionali, le solite, che tengono in mano l’economia del mondo, tipo la SHELL, la TOTALFINA,la SHARP etc.etc. che continuano a investire in questo nuovo settore.

In California ci sono gia’ un milione di pannelli ed e’ in costante sviluppo.

Non e’ l’interesse per l’ambiente che porta a investire nelle energie alternative;il petrolio sta’ per essere sostituito con il sole,ma il monopolio rimane sempre alle stesse CORPORATION che determineranno il nostro futuro.

sviluppo fotovoltaico in italia


http://emagazine.credit-suisse.com/app/article/index.cfm?fuseaction=OpenArticle&aoid=151742&coid=91&lang=IT
http://fainotizia.radioradicale.it/2007/09/17/il-fotovoltaico-e-un-treno-in-corsa-che-nessuno-puo-fermare
http://ilprofessorechos.blogosfere.it/2006/05/fotovoltaico-in.html

7 milioni di poveri

Mercoledì 26 Settembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

progetto_poverta.jpg

In Italia ci sono 7.577.000 persone che vivono in condizioni di poverta’, pari al 13,1% dell’intera popolazione.

Dal 2004 la situazione e’ rimasta invariata e questo e’ un dato preoccupante, rimane il divario tra nord e sud.

Al  nord e al centro sono rispettivamente il 4,5% e il 6% le famiglie povere mentre al sud la percentuale e’ del 24%.Il 70% dei poveri risiede al sud.

Alcuni dati per regione:

Tutte le regioni del nord e centro come Lombardia,Veneto,Emilia Romagna l’incidenza di poverta’ e’ al di sotto del 4,5%

tranne per Umbria e Toscana che toccano il 7,3%.

Regioni come Campania e Sicilia arrivano fino al 30%.Al sud la situazione e’ in costante peggioramento.

Famiglie con un’elevato numero di componenti,tra cui figli minori e anziani riscontrano maggiori difficolta’.Famiglie con una bassa istruzione hanno difficolta’ ad entrare nel mercato del lavoro e io aggiungerei anche chi ha studiato ha difficolta’ a trovare lavoro.

Quasi un milione di persone ricevono cibo gratis dagli enti di sostegno,tipo banco alimentare.

Un’altro dato preoccupante sono le famiglie a rischio;arrivano a malapena a fine mese e un’imprevisto potrebbe farle cadere sotto la soglia di poverta’.

Questi che ho riportato sono dati istat, ma la situazione e’ molto piu’ grave,pensionati che rubano un pacco di pasta per mangiare,piu’ famiglie che vivono nella stessa casa,perche’ ci sono gli affitti troppo alti.Il lavoro che non c’e',sopratutto per le donne;stipendi medi di 900,00 euro al mese.

Una politica che non lavora per diminuire i prezzi dei beni di prima necessita’(luce,gas,alimenti ecc.ecc.),perche’ schiavi della globalizzazione,ma da un’accontentino ai pensionati,aumentando di 30 euro le pensioni minime, e per i giovani non rimane niente,neanche la futura pensione.

Senza casa e senza lavoro,questa e’ la situazione italiana;


FONTI:
http://www.istat.it/
http://www.repubblica.it/2006/10/sezioni/economia/istat-poverta/istat-poverta/istat-poverta.html
http://www.ilsole24ore.com/

non finanziamo solo i giornali!!!

Domenica 16 Settembre 2007

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /membri2/altrifatti/wp-includes/formatting.php on line 74

mini-dolmen-radio_2.jpg

Per un informazione falsata e orientata a salvaguardare il potere;per un’informazione censurata e non oggettiva,spendiamo,noi contribuenti, circa 700 milioni l’anno.

Gli editori si prendono sostanziosi contributi per la carta,per le spese telefoniche,per la luce,per le agenzie ecc.ecc.

Milioni all’anno che noi diamo per  ricevere informazioni strumentalizzate.Per esempio,perche’ non hanno detto che il monopolio di stato ha un’ammanco di 98 miliardi???

Perche’ hanno parlato del V-DAY,solo dopo essere stato un clamoroso successo???

Gia’ guadagnano un sacco con la pubblicita’,in piu’ dobbiamo agevolarli pagandogli le spese.

Non solo i giornali ricevono i soldi,ma tutta l’editoria riceve i contributi,radio e televisioni comprese;

Guardate un po’ quanti soldi buttati al vento.

Le radio, ricevono un rimborso dell’80% per gli abbonamenti alle agenzie di informazione.

Esempio:

RADIO LAGHI  riceve un rimborso pari a 14.400,00 euro, (che c…o e’ radio laghi!!!)

RTT RADIO TELEVISION TIROL :     41.776,18 euro  (82 milioni di lire circa l’anno)    

 RADIO DIMENSIONE SUONO       :     105.406,37 euro (piu’ o meno 210 milioni di lire) 

 RADIO TAU    :     22.007,06 euro  (ma esiste!!!! e se c’e’ chi la sente, ditemelo!!!)

VITA PARROCCHIALE     :      14.400,00 euro (un precario guadagna meno!!!)

RETE 105   :      94.463,20 euro

e poi radio di organi di partito…..

VENETO-UNO                                  :      561.903,00 euro

ECORADIO                                        :      2.641.622,00 euro

RADIO RADICALE                           :      4.159.915,19 euro

insomma tra tutte, senza contare le riduzioni tariffarie arriviamo a  circa 13.378.473 euro l’anno!!!!

Vi lascio alla lista completa:  lista  lista2    buona visione!!!

AH c’e’ anche radio CICCIO RICCIO 18.525,60 euro ( bruciatela sta c…o di radio!!!!!)

Vday




Per aderire all'iniziativa cliccare qui.





Appello per la Giustizia - Per De Magistris




Basta! Parlamento pulito







Iscriviti al Vaffanculo Day







Sito Ufficiale della Campagna Nazionale Giu Le Mani Dai Bambini








BlogItalia.it - La directory italiana dei blog



Add to Technorati Favorites













Foxkeh banners for Firefox 2








http://www.wikio.it


Scambio Link


Blogarama - The Blog Directory